Lun. Giu 17th, 2019

AGGYNOMADI

Viaggiare Mangiare Pedalare

Il giro d’Italia è amico della natura

3 min read

RIDE GREEN: UN GIRO ECO-FRIENDLY 102

Il Giro d’Italia non è solo la gara più bella e dura del mondo nel paese più bello del mondo, ma anche la più sostenibile: questo era l’obiettivo che RCS Sport si è imposta nel 2016, quando ha lanciato Ride Green. Così per la 102esima edizione della corsa rosa, il progetto di sostenibilità si svolgerà per tutte le 21 tappe del Giro.

Il progetto di riciclaggio eco-sostenibile, realizzato nelle ultime tre edizioni del Giro d’Italia in collaborazione con Erica Cooperative, è stato un grande successo e, nel 2018, ha raccolto 75.758,12 kg di rifiuti dalle 18 tappe tenute in Italia, di cui Il 90,57% è stato riciclato.

NOVITÀ DEI PARTNER PER LA 102ª EDIZIONE

Ride Green dà il benvenuto a numerosi nuovi partner per questa edizione del Giro:
  • Corepla, un consorzio nazionale per la raccolta, il riciclaggio e il recupero degli imballaggi in plastica, che è legato a una delle innovazioni “tecniche” di questa edizione, ovvero la differenziazione in aree di ospitalità di bottiglie di plastica;
  • Greentire, una società che si occupa della corretta gestione dei pneumatici a fine vita, che aumenterà la consapevolezza dell’importanza ambientale della raccolta e del riciclaggio dei pneumatici.
Anche per la 102esima edizione, Eurosintex sarà partner nella produzione di oltre 1.200 contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti e li invierà a tutti i comuni in cui le fasi iniziano e finiscono. I contenitori, con il logo RIDE GREEN, verranno poi consegnati alle amministrazioni e alle società di raccolta come eredità del progetto. Tutti gli stand aperti del villaggio e le aree di accoglienza saranno dotate di vasche e borse per la raccolta differenziata.
Inoltre, Novamont fornirà piatti per la ristorazione e attrezzature compostabili per la fornitura di cibo e bevande al catering. Tutti gli eco-punti dei villaggi aperti e delle aree di accoglienza saranno presidiati da oltre 250 volontari in tutto il territorio nazionale, reclutati dai comitati di scena. Infine, quest’anno ci sarà anche un partner storico di Ride Green e RCS Sport, IMQ, che ogni anno si occupa della produzione del nostro report di sostenibilità.

Riciclaggio – I dettagli

Roberto Salamini, Responsabile Marketing e Comunicazione di RCS Sport, ha dichiarato: “Il Giro d’Italia è un evento sportivo internazionale, ma nel tempo è diventato anche uno strumento di comunicazione che deve e vuole trasmettere tutti i valori che rappresenta. Il verde sta diventando una componente importante del Giro, come confermato dagli eccellenti dati sulle passate edizioni, dallo spirito di collaborazione di chiunque sia coinvolto durante la gara, dai comuni agli sponsor, dai volontari a noi qui nell’organizzazione. più ecosostenibile è l’obiettivo che ci poniamo dal primo anno del progetto e siamo felici di continuare su questa strada “.

E.R.I.C.A. Il presidente, Luigi Bosio, ha dichiarato: “Dal suo lancio nel 2016, i dati di Ride Green sono aumentati costantemente, segno che il nostro lavoro di sensibilizzazione e comunicazione, fattori essenziali di questo progetto, sta dando i suoi frutti. L’anno scorso abbiamo “rotto” il muro del 90% dei rifiuti differenziati, un risultato che conferma ancora una volta come anche in Italia sia possibile creare grandi eventi ecosostenibili. L’obiettivo che ci siamo prefissati quest’anno è, come sempre, migliorare, in parte grazie al supporto dei nostri partner di progetto e, in parte, grazie alla collaborazione dei territori che attraversiamo e di tutti i volontari che ci prestano una mano. Un grande ringraziamento va a RCS Sport, che per un altro anno conferma il suo sostegno a un progetto che è anche una grande vittoria per il nostro futuro.”

Fonte e foto: RCS Sport Press

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *