Ven. Set 20th, 2019

AGGYNOMADI

Viaggiare Mangiare Pedalare

100 volte Milano Torino

1 min read
PRESENTATA L'EDIZIONE NUMERO 100 DELLA MILANO-TORINO: LA GARA CHE È PARTE DELLA STORIA DEL CICLISMO
In foto: Chiara Calati, Stefano Allocchio, Luca Aloi, Simone Gelli

In foto: Chiara Calati, Stefano Allocchio, Luca Aloi, Simone Gelli

La classica più antica del ciclismo (nata nel 1876), celebrerà il prossimo 9 ottobre la storica pietra miliare delle 100 edizioni. Come l’anno scorso, la gara inizia a Magenta e termina di fronte alla Basilica di Superga a Torino dopo 179 km.

Il percorso

Dopo essere partiti da Magenta, i corridori attraversano la pianura padana su strade pianeggianti, larghe e diritte con un lungo percorso attraverso i territori di Abbiategrasso, Vigevano e Lomellina fino al Monferrato. Qui il profilo della gara inizia a cambiare con i dolci saliscendi di Casale Monferrato prima di tornare sulle strade larghe e diritte che portano al circuito finale.
Dopo San Mauro Torinese il percorso prosegue lungo il fiume Po in Corso Casale per poi salire per la prima volta alla Basilica di Superga (con una svolta 600 m prima del traguardo). Poi tocca a Rivodora con una discesa impegnativa che riporta i ciclisti a San Mauro e fino al traguardo con pendenze di oltre il 10%.

Magenta - Torino (Superga)  179 KM

L’ultimo chilometro

Gli ultimi 5 km si ripetono due volte (tranne gli ultimi 600 m) da Torino in Corso Casale, dove inizia la salita alla Basilica di Superga. La pendenza media è del 9,1% con un picco del 14% a circa metà strada e lunghi tratti al 10%. A 600 m dal traguardo c’è una inversione a U a sinistra per affrontare la rampa finale, con il suo gradiente dell’8,2%, e quindi l’ultima curva è a 50 m dal traguardo.

Fonte e foto: RCS Sport PRESS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *